class="post-template-default single single-post postid-416 single-format-standard elementor-default elementor-kit-10205">
Home LifeBe a mom Igiene e cura del neonato: punti di vista

Igiene e cura del neonato: punti di vista

by Giada Lopresti
Bagnetto nella doccia
Il bagnetto serale.

Tra i tanti cambiamenti che ci sono con l’arrivo di un neonato c’è il concetto di pulizia. Ricordo ancora quando un anno fa iniziavo a preparare il corredino, la valigia per l’ospedale, le lenzuola, il fasciatoio, la cameretta, ecc…. Ogni cosa curata nei minimi dettagli quasi maniacali, suddivisa per tipo, lavata, stirata ma soprattutto igienizzata e imbustata. Non c’è stato nulla, al mio ritorno dall’ospedale, che non fosse disinfettata a dovere, come se tutti i batteri della terra avessero voluto trasferirsi a casa mia e io, spaventata, avessi fatto la disinfestazione sigillando casa. Ero terrorizzata da tutto, tanto che
avevo incominciato a non farmi toccare nemmeno dal mio cane, in ogni angolo di casa c’erano dispenser di amuchina gel, e qualsiasi cosa odorava o di bambino o di disinfettante.

Bagno in vaschetta

Passato un pò di tempo mi sono resa conto da sola (meno male) che ero ed eravamo davvero esagerati. Ho incominciato ed essere un pò più flessibile sulle cose (alcune!). Anche perchè ho capito che essere esagerati è solo controproducente e comunque, prima o poi, metteranno le mani in bocca quando sono sporche, toccheranno gli animali, si sporcheranno i vestiti e tante altre cose che faranno in modo di renderli igienicamente imperfetti, quindi mi sono voluta ammorbidire anche per evitare di tirar su un bambino schizzinoso. Abbiamo sempre tenuto un certo contesto di pulizia e ordine, di cui io comunque di mio sono ossessionata, ma sicuramente abbiamo iniziato a chiudere gli occhi su alcune cose come del resto è stato fatto con noi quando eravamo piccini. Rimango comunque del parere che il concetto di igiene e pulizia debba essere perfetto quando si tratta di bimbi in fasce in quanto quest’ultimi arrivano da un luogo di protezione completa come l’utero materno. Passati primi mesi di adattamento poi ci si può anche lasciare andare a qualche eccezione, farà scoprire più cose ai nostri figli e perchè no…anche a noi!
 
Questo post partecipa al blogstorming
Partecipa anche tu cliccando qui
©MammaCheVita - Tutti i diritti riservati

You may also like

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.